Benvenute e benvenuti nel mio blog

Il mio benvenuto sarà sintetico perché preferisco lasciare spazio ai “veri” contenuti.

Questo blog è nato con l’intento di creare un luogo di condivisione per tutte le persone che fanno a schiaffi da anni con l’emicrania.
Due sono le parole d’ordine che mi guideranno: RISPETTO e GENTILEZZA.

I commenti sono sottoposti a moderazione ed è per questo che quando commentate non li vedrete apparire subito sotto i post.
Non sarò tollerante verso commenti offensivi di nessun tipo che verranno bannati qui e anche sui social media sui quali condividerò gli articoli del blog. Ogni opinione è benvenuta soltanto se viene esposta con rispetto delle opinioni altrui e con gentilezza nei toni e nel linguaggio.

Lo so, sembro una padrona di casa antipatica, ma giuro che non lo sono 😉

8 commenti su “Benvenute e benvenuti nel mio blog”

  1. Salve a tutte mi chiamo Sara, e questo blog è un’idea bellissima per non farci sentire sole/i , ma soprattutto per divulgare le reali situazioni di questa problematica che è a mio parere una piaga sociale. L’informazione corretta è fondamentale x sostenere chi soffre di emicrania e cefalea. Sia x chi è protagonista sia x chi vive a fianco di queste persone. Grazie Alessandra

    1. Carissima Sara, benvenuta. Mi fa molto piacere sapere che trovi il blog utile e sono pienamente d’accordo con te sul fatto che l’informazione corretta sia importante per sostenerci e per individuare il giusto percorso terapeutico. Ti abbraccio.

  2. Ciao Alessandra sono Sabrina.
    Bello questo blog- a volte l’emicrania si porta dietro un pò di “solitudine emotiva” perchè sono poche le persone che comprendono questa patologia così subdola.
    Io dopo il parto ho sviluppato quella che, probabilmente per famigliarità, era latente nel mio corpo…l’emicrania appunto. Prima sporadica ma violenta, soprattutto durante il ciclo poi aihmè cronica. Ad aprile di quest’anno sono entrata nel programma dei monoclonali ed ho fatto il primo carico.
    Ora a settembre farò la sesta iniezione.
    Io dico sempre che i monoclonali mi hanno “salvato la vita” perchè è vero che purtroppo la bestiaccia non scompare del tutto e che a volte ci sono delle ricadute e anche che si acquisisce “l’abilità del sospetto” cioè stai sempre li ad aspettare di vedere cosa succede, ma è anche vero che sto molto meglio di come stavo mesi fa.
    Questo è il mio piccolo contributo.
    Grazie.

    1. Cara Sabrina
      benvenuta sul mio blog.
      La solitudine emotiva purtroppo è un bagaglio che ci portiamo dietro insieme all’emicrania e che, a volte, pesa ancora di più della malattia stessa.
      I monoclonali rappresentano la speranza per tante persone che soffrono di questa malattia in forma cronica; come te, anche io nei periodi legati al ciclo mestruale, vivevo letteralmente dei giorni da incubo. Mi ritrovo tantissimo quando parli di abilità del sospetto… anche quella difficile da gestire e difficile da tenere a bada.
      Grazie mille per la tua testimonianza, assolutamente preziosa.
      Fammi sapere, se ti fa piacere, come prosegue con le prossime dosi di anticorpo.
      Ti abbraccio

  3. Ho trovato molto interessante questo blog, sia per le informazioni generali che dà, ma soprattutto per l’esperienza diretta dell’autrice dello stesso, cioè Alessandra. Non posso che ringraziare per questa fantastica idea. Per chi come me soffre da decenni di emicrania è un vero conforto. Ho iniziato da due giorni la terapia con anticorpo monoclonale e sono fiduciosa. Spero che vada tutto bene e che funzioni. Ancora non posso dire nulla perché è troppo presto, ma finora sembra che non ci siano grossi problemi dovuti a reazioni allergiche ed è già tanto essendo io un soggetto con problemi di allergia. Inoltre sono affetta da tiroidite autoimmune. Mi farebbe piacere confrontarmi con chi si trova nelle mie stesse condizioni. Un saluto a tutte/i i visitatori del blog e un abbraccio grande ad Alessandra.

    1. Cara Nadia
      grazie mille per il tuo messaggio.
      Sono felice di sapere che trovi il blog interessante.
      Mi fa molto piacere averti qui, in questa grande famiglia virtuale che piano piano sta crescendo.
      L’anticorpo può essere davvero un grande aiuto per chi soffre di emicrania cronica da così tanti anni; spero che presto tu possa vederne i benefici.
      Mi raccomando, fammi sapere come procede.
      Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: