Nicoletta ci racconta la storia della sua cefalea che non ha ancora una diagnosi precisa

Migraine Warrior | Nicoletta e la sua cefalea “senza diagnosi”

Nicoletta ha 35 anni e lavora nel web marketing da 12 anni.
Ci siamo conosciute due anni fa a Milano durante un evento.
Combatte contro la cefalea dall’età di 6 anni e questa è la sua storia.

Di che tipo di mal di testa soffri?

Non ho mai avuto una sua “classificazione” ufficiale; si manifesta in diverse modalità che sono cambiate nel tempo.
Tutto è cominciato durante l’infanzia, credo intorno ai sei anni.

Quali medici hai consultato per avere una diagnosi della tua cefalea?

Negli anni ho consultato diversi specialisti, alcuni dei quali mi hanno aiutata, altri un po’ meno.
Provo a riassumere il mio percorso di diagnosi: l’inquinamento è stato il primo colpevole individuato quando ero piccola; successivamente secondo il medico di base la causa era da ricercare nell’occlusione dentale; per l’osteopata gli attacchi (almeno in parte) sono dovuti all’infiammazione della cervicale; il neurologo mi ha prescritto un farmaco per dormire perché a suo parere «il mio cervello lavora in sovraccarico». Non posso dire, al momento, di aver avuto una diagnosi chiara.

Quando hai l’attacco di cefalea come si manifesta il dolore e da che sintomi è accompagnato?

Nei casi peggiori il dolore è severo accompagnato dalla perdita della vista, problemi allo stomaco e la totale impossibilità di svolgere i più piccoli movimenti. Ci sono volte in cui il dolore è più lieve, ma costante durante l’arco della giornata.
Ricordo un episodio in particolare, circa 8 anni fa: mi si annebbiò la vista, crollai letteralmente nel letto. Mia madre, vedendomi quasi priva di sensi, mi caricò in auto per portarmi dal medico, non sapendo più come aiutarmi. Nei giorni successivi, guardando alcune fotografie scattate prima di questo attacco così pesante, mi accorsi che i miei occhi erano strani, sembrava che le pupille fossero più dilatate rispetto al solito.

Quanto tempo dura in media un tuo attacco di mal di testa?

La durata è variabile, in generale non supera mai le 24 ore probabilmente perché viene bloccato dall’assunzione di antinfiammatori.

Quanti giorni di cefalea hai in un mese?

Almeno uno a settimana.

Quali medicinali prendi per la cefalea?

Ketodol, Oki o Tachipirina, qualsiasi cosa possa aiutarmi a ridurre l’intensità del dolore.

Oltre ai medicinali, cosa ti dà sollievo quando hai mal di testa?

Su consiglio dell’osteopata, da 4 anni pratico lo yoga per migliorare la mia postura.

Hai provato terapie alternative alla medicina tradizionale per la cefalea?

Una volta ho provato l’agopuntura; non so se per effetto placebo, ma in quell’occasione il mal di testa è passato immediatamente.

A livello emotivo, come ti senti e come vivi questa malattia?

Mi sento impotente, è come se una parte fondamentale del mio corpo all’improvviso sfuggisse al mio controllo.
Una volta passato l’attacco mi rimane la frustrazione di non poterli prevedere e fermare, di non trovare una soluzione definitiva e di avere davanti solo la possibilità di prendere farmaci antinfiammatori, il ché mi preoccupa abbastanza.
Per non parlare della rabbia che provo quando mi sento trattata come un’ipocondriaca: i medici stessi mi hanno spesso mandata a casa con una diagnosi di “stress”, ma parlare di stress per me equivale alla mancata volontà di cercare realmente una soluzione.

Per conoscere tutte le storie delle/dei Migraine Warriors, visitate la sezione del sito dedicata a loro: www.leparoledellemicrania.it/migraine-warriors/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *